logo [vc_empty_space height="10px"] Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat. [vc_empty_space height="10px"]

5 consigli per progettare una doccia bella e funzionale

alt: "materialiedesign-progettare-una-doccia-glamfusion-glamora-wallcovering-OLYMPE"

Progettare una doccia con l’intento di creare uno spazio dedicato al relax e al benessere, non rinunciando alla praticità di manutenzione e alla funzionalità, è possibile. Cinque idee possono rendere questo vano uno spazio suggestivo e accogliente, cambiando la percezione di un semplice gesto quotidiano e trasformandolo in un’immersione nel benessere.

alt: "materialiedesign-progettare-una-doccia-glamfusion-glamora-wallcovering"

1_ CARTA DA PARATI AL POSTO DELLE PIASTRELLE

Avete mai pensato di sostituire il rivestimento in piastrelle del vano doccia con una carta da parati? Avete dubbi sulla tipologia da utilizzare, sulla modalità di posa e sulla sua resistenza? Glamora ha messo a punto il supporto GlamFusion®  il wallcovering leggero e flessibile, impermeabile e resistente che non necessita di alcuna finitura protettiva da parte del posatore, ma allo stesso tempo è capace di resistere ad alti stress chimici, fisici e termici. GlamFusion® è un rivestimento tecnologicamente evoluto, un supporto dalle caratteristiche uniche, che vanta un brevetto depositato ed ha una particolare texture silk-touch. La sua struttura flessibile ma ultraresistente, assicura grande versatilità progettuale, funzionalità e lunga durata.

alt: "materialiedesign-progettare-una-doccia-cabina-simas"

2_ BOX DOCCIA SENZA TELAIO

Il box doccia diventa sempre più trasparente e grande; spariscono i telai che un tempo lo incorniciavano e ne garantivano la tenuta e spariscono sempre più spesso anche le ante a favore di vetri fissi e passaggi liberi, senza porte. Il vetro si appoggia al piatto e viene sorretto da elementi minimi di raccordo con le pareti, garantendo la massima sicurezza e stabilità ma mantenendo un’estetica molto pulita e minimale; in pratica il box spesso c’è ma (quasi) non si vede. Simas ha aggiunto nel proprio catalogo una serie di box di diverse misure, con o senza anta.

alt: "materialiedesign-progettare-una-doccia-piatto-doccia-sottile-simas"

3_ PIATTO DOCCIA SOTTILISSIMO

I piatti doccia diventano sempre più sottili e, se non sono completamente a filo con il resto della pavimentazione, possono avere spessori minimi. Simas propone il classico piatto in ceramica spessore 6.5cm ma aggiunge lo spessore ridotto proponendo il 3cm. Le misure sono varie ed arrivano anche al 140x80cm. La finitura è il bianco lucido trattato con prodotto antiscivolo.

alt: "materialiedesign-progettare-una-doccia-fantini-doccia-icona-fontane-bianche"

4_ RUBINETTERIA COME OGGETTO DI DESIGN

La rubinetteria, oltre al suo aspetto funzionale viene selezionata anche per esigenze estetiche e stile progettuale. È possibile scegliere modelli che rispondono a necessità di spazio, di portata d’acqua, di potenza di erogazione o salvaguardia dell’ambiente mentre l’estetica del gruppo doccia può avvicinarsi a gusti retrò, allo stile industriale o al minimalismo più intergrale fino a diventare quasi delle sculture che celano la parte tecnica a favore di forme pure e assolute. Fantini, spazia tra queste diverse possibilità e permette al progettista di avere un rubinetto adatto ad ogni stile e necessità.

alt: "materialiedesign-progettare-una-doccia-fantini-acquadolce"

5_ LUCE E CROMOTERAPIA PER COMPLETARE L’AMBIENTE 

Contemporaneamente ad assolvere la funzione di erogatore d’acqua, il soffione può diventare anche l’elemento illuminante del vano doccia. Fantini propone diverse soluzioni per illuminare il vano ma anche per aggiungere l’effetto benefico della cromoterapia. La luce può essere integrata in soffioni di diverse forme aggiungendo un’alta componente scenografica. Il sistema Acquadolce prevede l’effetto a pioggia, a cascata o nebulizzato e luce a quattro colori per creare un’atmosfera emozionale e un grande comfort.

Post a Comment