logo [vc_empty_space height="10px"] Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat. [vc_empty_space height="10px"]

Spazi pubblici: gelaterie

alt="materialiedesign-gelateriedesign-icecreamshop-retaildesign"

Come progettare l’interior design di una gelateria?  Quali sono i materiali e i colori che meglio esprimono l’anima di questa specialità tutta italiana che ha fatto ormai il giro del mondo, quali accorgimenti per uno spazio pubblico che somiglia al bar ma ha bisogno di attrezzature particolari?

I colori freschi ed estivi degli ombrelloni possono diventare un motivo di ispirazione ed una finitura efficace, che ci catapulta immediatamente un po’ indietro nel tempo e forse ai bordi di una spiaggia. A Londra, all’interno della hall dell’hotel St Martin Lane, è stata creata una gelateria temporanea con la predominante del bianco e del giallo, simulando il carretto dei gelati ancora vivo nei nostri ricordi.

Ci porta al ricordo di una vacanza in Riviera degli anni 50 o 60, si ispira agli interni e ai colori delle navi, Antonio Gardoni che nella gelateria Possi di Brescia, ha creato uno spazio di certo non minimalista in cui le citazioni possono sono dirette; lo stecco di legno, usato fuoriscala, diventa ad esempio, un rivestimento per le pareti.

I pozzetti sono i contenitori tipici del gelato ed oggi torna ad essere un elemento molto caratteristico  a dispetto della vaschetta che permette di vedere il gelato prima di scegliere i gusti. Il banco Bellevue non rinuncia all’attualissima esposizione ampia ed orizzontale proponendo un design essenziale che permette la miglior visione del prodotto da parte del cliente e la praticità del servizio.

Riguardo l’insegna e la comunicazione visiva ci si può altrettanto sbizzarrire; c’è chi usa i colori pastello che in qualche modo richiamano le creme dei gelati; chi usa i colori freddi e il bianco per dare un’immediata idea di freschezza, chi scalda il tutto avvalendosi dell’uso del legno ed andando in contrasto rispetto alla sensazione “fredda” del gelato.

Progettando dobbiamo dimenticarci di rendere lo spazio agevole per tutti anche per i diversamente abili. Il “design for all” ci deve far realizzare percorsi agevoli, banchi che possano essere facilmente avvicinati da tutti e servizi igienici adeguatamente attrezzati.

La serie di sanitari  Vignoni di Simas per esempio propone un grazioso modello di wc alto 50cm e adatto anche ai bagni per disabili. Non rinuncia all’estetica e garantisce la funzionalità negli spazi pubblici.

Post a Comment