logo [vc_empty_space height="10px"] Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat. [vc_empty_space height="10px"]

Ex-ferrovie che si trasformano in aree verdi

alt="Sopraelevata Philadelphia - Ex-ferrovie - Bryan Hhanes

Ex-ferrovie. Dai tracciati riconvertiti in piste ciclabili alle sopraelevate pedonali, si moltiplicano in diverse città del mondo i casi di riqualificazione, urbana ed extra urbana, che prendono vita dalle vecchie linee del trasporto pubblico su ruote; le ex ferrovie, tra scali e binari, diventano così un’opportunità di ricucitura del territorio, permettono l’interazione tra quartieri prima separati, offrono la possibilità di percorrere e vivere la città ed il territorio circostante in maniera nuova e diversa.

alt="High line - New York - Ex ferrovie - Diller Scofidio Rrenfro Oudolf

Sembra sia nato tutto da qui, quando ormai più di 10 anni fa, a New York, veniva inaugurata una delle più importanti conversioni green del pianeta. La High Line si sviluppa lungo la costa ovest di Manhattan e permette una visita fuori dai soliti percorsi, scoprendo angoli nascosti e avvicinandosi alle abitazioni tanto da sembrare una passeggiata tra giardini privati. Il progetto è stato affidato a Diller Scofidio + Renfro per la parte architettonica in collaborazione con Piet Oudolf (garden designer) e Field Operation (per il progetto del paesaggio).

alt="Parigi - Ex ferrovie - Conversioni verdi - Promenade Plantée le Viaduc des arts - France"

La Promenade Plantée di Parigi resta la passeggiata sopraelevata più lunga del mondo (circa quattro chilometri), un parco lineare green che somiglia ad un parco didattico in un susseguirsi di piante da frutto, lavanda e rose. Nella parte sottostante del vecchio passaggio della ferrovia invece, le grandi arcate che sostengono il ponte, sono state riqualificate e riconvertite per ospitare  59 artisti e creativi che lavorano artigianalmente sotto gli occhi dei visitatori in un ambiente che porta alla memoria dei vecchi laboratori e delle botteghe.

alt="Circle line Milano - Ex-ferrovie - Mappa"

A Milano la Circle Line prenderà vita dal recupero di sette scali ferroviari abbandonati; si tratta di un anello verde che nei prossimi dieci anni, partendo da Porta Romana, in senso orario percorrerà una serie di scali in disuso per arrivare fino a Rogoredo, completando un anello che attraversa la città facendolo sembrare una vera circonvallazione verde.

alt="Ex-ferrovie - Scali milano - Miralles Tagliabue"

Al progetto sono stati invitati cinque grandi studi internazionali tra cui Boeri, con la sua proposta di “Fiume Verde”, Cino Zucchi con “Sette bellissimi brogli”, “Miracoli a Milano” del team Miralles Tagliabue EMBT, che con l’acqua propone ambiziosamente di unire i sette scali.

alt="Sopraelevata Philadelphia - Ex-ferrovie - Bryan Hanes - View

Infine anche Philadelphia inaugurerà, proprio nella prossima primavera, il proprio primo tratto della riconversione della linea sopraelevata che un tempo connetteva il centro della città con le vicine campagne. Il progetto, affidato allo studio Bryan Hanes, è il risultato di un percorso partecipativo in cui i residenti e i sostenitori dell’iniziativa hanno espresso necessità e desideri.

1 Comment
  • Gaumer

    Il bacino d”utenza per l”aeroporto di Crotone è molto piccolo, ma potrebbe essere maggiore se i collegamenti stradali fossero efficienti. Se la super strada Taranto Reggio fosse completata (almeno da Sibari a Crotone) certamente lo scalo s.Anna assorbirebbe passeggeri di buona parte del nord Calabria e della Basilicata. Infatti in quell”area geografica non vi sono aeroporti facilmente raggiungibili.

    8 Marzo 2018 at 16:37 Rispondi
Post a Comment