logo [vc_empty_space height="10px"] Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat. [vc_empty_space height="10px"]

Il futuro del Retail Design

alt:"materialiedesign-retail-design--roastery-%-arabica-kuwait-city-puddle-studio-frits-jurgens-vista-laboratorio"

Tra effetti phygital e Metaverso, che futuro si può immaginare per il retail design? Non riusciamo a prevedere come, nel lungo termine, si trasformeranno i negozi, ma l’effetto repentino dei cambiamenti di questi anni, tra abitudini post-pandemia, nuove tecnologie, e desideri dei consumatori, si traducono in alcuni “modelli” che vediamo ripetersi e prendere sempre più forza. Che si tratti di una caffetteria o di una boutique di occhiali lo store fisico è un luogo in cui il consumatore desidera passare del tempo.

alt: "materialiedesign-retail-design--roastery-%-arabica-kuwait-city-puddle-studio-frits-jurgens-vista-laboratorio-sacchi-caffè"Photo credit Studio Puddle, Roastery %Arabica, Kuwait

 

Quali caratteristiche devono avere i negozi per essere delle valide alternative all’acquisto online? Accoglienti, trasparenti, interattivi e scenografici. Abbiamo bisogno di spazi che dichiarino quel che sono a partire dalla vetrina. Proprio la vetrina, come spazio fisico limitato e chiuso, in passato spesso dedicato ad installazioni e racconti di storie diverse rispetto alle atmosfere del negozio, lascia il posto alla permeabilità visiva totale; oggi è sempre più frequente la necessità di creare trasparenza tra interno ed esterno, tra strada e negozio. Dall’esterno vedo tutto, ne capisco la funzione, sono attratto da uno spazio arioso, un vero e proprio teatro del caffè che prende vita in uno spazio interno che sembra la naturale estensione della strada su si affaccia (che la pandemia ci abbia lasciato anche il desiderio di vivere sempre di più in spazi aperti?).

alt: "materialiedesign-retail-design-roastery-%-arabica-kuwait-city-puddle-studio-frits-jurgens-banco"Nella foto sopra, i sistemi Frits Jurgens hanno permesso la realizzazione delle grandi vetrate nella Roastery %Arabica (progetto Studio Puddle), garantendo una permeabilità visiva ed effettiva con movimenti agevoli, leggeri. Photo credit: Studio Puddle

 

Come rendere un negozio un luogo accogliente in cui passare del tempo? Lo spazio dovrà essere sempre più comunicativo, creando mondi immaginari e riproducendo scenografie di momenti, paesaggi, situazioni ideali. Le superfici (pavimenti, pareti, soffitti) dovranno essere in grado di raccontarci una storia, di interagire con noi e con la nostra immaginazione. Che si tratti di elementi tecnologici, in movimento o statici, tutto dovrà trasportarci in atmosfere che per un attimo rapiscono la nostra attenzione distraendoci dalla frenesia e dalla quotidianità.

alt: "materialiedesign-retail-design-glamora-gualtiero-sacchi-design-foto-fabrizio-cicconi-showroom-ottica-nannini-reggio-emilia"Nella foto sopra la carta da parati Flora di Glamora caratterizza i fondali di uno spazio dall’estetica metafisica. La scala del soggetto grafico attrae senza confondersi con la dimensione dell’oggetto esposto: gli occhiali. Photo credit: Fabrizio Cicconi, progetto Arch. Gualtiero Sacchi

 

Quali soluzioni possono rendere il negozio uno spazio scenografico per il consumatore? Entrando in uno store, oggi ci aspettiamo di trovare elementi che catturino l’attenzione dei nostri occhi e dei nostri telefonini perché, se lil negozio fisico deve restare uno spazio funzionale, c’è desiderio di atmosfere coinvolgenti che rendano unico il momento di visita, in un’atmosfera di cui sembri necessario catturare una fotografia. L’arredo deve assolvere alle funzioni più pratiche ma deve essere anche una sorta di grande palinsesto (scenografia/set) in cui il consumatore si trova immerso anche solo per pochi minuti, in una realtà diversa dal quotidiano, sentendosi protagonista.

alt: "materialiedesign-retail-design-slamp-sistema-nuvem-installazione-lampada-design-soffitto-luminoso"Nella foto il sistema luminoso Nuvem di Slamp, mentre illumina, diventa un motivo decorativo che fluttua nello spazio creando una dimensione di interesse sul soffitto (punto che spesso, entrando in uno store, tendiamo a non vedere). Photo credit: Slamp

Post a Comment