logo [vc_empty_space height="10px"] Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat. [vc_empty_space height="10px"]

5 indirizzi cool nel quartiere NoMad di New York

alt="NoMad - NewYork - Lifestyle - Madison Square - Empire State Building"

Un piccolo ritaglio di strade nel cuore di Manhattan, a nord di Madison Square Park (la sigla NoMad sta proprio per North of Madison), che parte dalla 25° fino alla 30° strada e tra la 6° e Lexington Avenue. I quartieri a New York vivono momenti di gloria e di silenzio, seguono le mode del momento e si nutrono delle abitudini dei New Yorkers; NoMad viene battezzato così sul finire degli anni ’90 e oggi vive un momento di vivacità commerciale e culturale, in cui si incontrano frequentatori locali e turisti che cercano di vivere la città da New Yorkers e non da semplici ospiti.

alt="NoMad - NewYork - Lifestyle - Made hotel"

Il quartiere di NoMad è da sempre riconosciuto per gli hotel più lussuosi di Midtown; il nuovissimo hotel Made, ricavato in un edificio storico, garantisce un’oasi di tranquillità a due passi dalla Fifth Avenue e con vista sull’Empire State Building. Un piccolo rifugio di 108 camere con un bar, una lobby dall’atmosfera calda e calma, un giardino privato, un terrazzo all’ultimo piano con vista sullo skyline di New York. Il design si scosta da qualsiasi standard e le camere hanno un’eleganza sobria, molto accogliente, fatta di dettagli curati e minuziosi, con alcuni accenni etnici e l’uso di tanto legno e di pietre naturali nei bagni.

alt="NoMad - NewYork - Lifestyle - The Evelyn hotel"

Un hotel storico, con uno charme anni ’30, è il piccolo The Evelyn sulla 27′ strada a un passo dalla Fifth Avenue.
Si tratta di un boutique hotel con una storia particolare; nato nel 1903 nel quartiere in cui avevano sede le maggiori industrie di produzione musicale americana, fino a qualche anno fa si chiamava Gershwin, in ricordo del musicista compositore di Rhapsody in Blue. L’hotel ha subito una recente ristrutturazione, cambiando il nome ma mantenendo il legame con la sua storia, anche attraverso l’uso di diversi oggetti e dettagli legati alla musica.
alt="NoMad - NewYork - Lifestyle - Inday restaurant"
Nel quartiere fioriscono ristoranti e caffetterie per ogni gusto. Inday è un piccolo ristorante indiano il cui vanto è servire buon Karma quotidianamente; slogan a parte, questo locale serve piatti preparati con prodotti gluten-free, carni allevate senza antibiotici, verdure a km zero e bevande organiche. Un pasto molto “healthy” e leggero, preparato nella cucina a vista.
alt="NoMad - NewYork - Lifestyle - Flatiron - Birch coffee"
Il Birch coffee è una caffetteria di cui, oltre a quella a due passi dal Flatiron Building, ci sono diverse altre sedi.
L’intento dei due ragazzi che guidano questa impresa è quello di creare un punto di incontro in cui il consumatore venga messo al centro dell’attenzione; “qui bisogna sentirsi a proprio agio magari dimenticandosi di avere uno smartphone e un laptop ma tornando alle chiacchiere da bar di quartiere”. Il caffè è davvero delizioso e l’atmosfera fa venir voglia di passare qui la giornata o almeno di iniziarla qui, per poi tuffarsi nella frenesia ed energia della città.
alt="Wework NoMad - NewYork - Lifestyle - Co-working space"
WeWork NoMad è uno dei circa 50 spazi della “catena” WeWork presenti in città e dedicati al co-working.
Questo format nasce proprio a New York nel 2010, ha diverse altre sedi nel resto degli Stati Uniti e in tutto il mondo arrivando fino all’Australia e all’Europa. Nasce proprio con la mission di creare molto più di un bell’ufficio condiviso ma proponendosi di diventare una grande comunità di persone, un catalizzatore di professionalità e individui diversi.
Post a Comment